T. +39 035 203234 - info@pesenti.com

  • Italiano
  • English

Parliamo di... Trasporto Intermodale – Seconda parte

Parliamo di... Trasporto Intermodale – Seconda parte
Giovedì, 26 Maggio 2016

Dopo aver dato uno sguardo alle operazioni coinvolte nel corso del ciclo intermodale, vi satrete chiedendo se il trasporto intermodale possa fare al caso vostro!
Ecco una piccola analisi dei fattori principali da tenere in considerazione se state considerando una forma di trasporto intermodale per i vostri carichi.

Cosa si intende per trasporto intermodale - un riepilogo

Abbiamo ormai tra le mani l'ABC del trasporto intermodale che, come sappiamo:

A - prevede "l'integrazione tra diverse modalità di trasporto"

B - si avvale di unità di carico standardizzate, quali casse mobili, container e semirimorchi

C - garantisce il cosiddetto "no freight handling", perché non avviene alcun trattamento diretto della merce nelle fasi di trasbordo modale.

Tuttavia, per scegliere se adottare l'opzione del trasporto intermodale, vanno considerati alcuni fattori determinanti, che lo distinguono dal trasporto tutto-strada.

Quando scegliere il trasporto intermodale?

1) DISTANZE

Ogni modalità di trasporto dà il meglio di sé, in termini di efficienza e convenienza, su delle distanze ben precise.  Si possono cioè individuare delle classi di distanza per ogni modalità, entro le quali viene massimizzata l'efficienza del trasporto e vengono minimizzati i costi.

Il trasporto intermodale sfrutta il meglio di ogni modalità coinvolta, affidando al trasporto su gomma i trasferimenti da e per i terminal (normalmente si tratta di basse distanze kilometriche), e al trasporto su rotaia e/o via mare la parte più consistente della distanze da percorrere.

Un parametro da non sottovalutare è la presenza sul territorio delle infrastrutture necessarie ad effettuare il trasporto intermodale, per esempio terminal, porti e interporti. L'intermodale risulta efficiente e conveniente qualora il luogo di partenza e il destino della spedizione siano abbastanza vicini al terminal di riferimento, in modo da ridurre al minimo la porzione di viaggio da effettuarsi su gomma.

2) TEMPISTICHE

È buona cosa sfatare il mito che il trasporto intermodale sia più lento del trasporto tutto-gomma. In molti casi le tempistiche arrivano a coincidere.

È però vero che il cambio di modalità e l'utilizzo di trasporti su larga scala, come ferrovia e nave, hanno delle ripercussioni sul tempo di trasporto. In linea di massima, è bene calcolare da 1 a 2 giorni di transito in più, a seconda delle destinazioni, rispetto al trasporto via strada.

Per quantificare con maggiore esattezza le tempistiche necessarie, basta chiederci direttamente, o attraverso il form apposito, una consulenza sul vostro trasporto!

3) COSTI

L'intermodale costa meno del trasporto via strada.

La differenza di costi deriva dal fatto che l'intermodale sfrutta economie di scala e tende a massimizzare il meglio di ogni modalità coinvolta.

Si pensi che, per coprire una determinata distanza con un treno ci sono costi maggiori rispetto all'alternativa di un camion dedicato, ma il costo si abbatte perché il treno può portare molte più casse mobili rispetto ad un singolo autoveicolo stradale. Un discorso analogo vale per l'intermodale marittimo e fluviale.

4) EMISSIONI CO2

L'intermodale costa di meno all'ambiente.

Il trasporto merci su gomma contribuisce in modo determinante alle emissioni di CO2 in Europa. A maggior ragione se si considera che gli scambi commerciali sono in continuo aumento nel corso degli ultimi trimestri.

I segni di ripresa economica dei nostri paesi sono già di per sé una buona notizia e potrebbero diventare un volano di benessere, anche ambientale, se una parte sempre maggiore del traffico merci si spostasse su modalità diverse dal trasporto esclusivamente via strada.

Se guardiamo ai dati comparati delle emissioni di anidride carbonica dei trasporti merci via treno e via strada ci si rende subito conto della differenza abissale (vedi figura). Non sarebbe già questo un motivo sufficiente per iniziare a pensare  di convertire i vostri trasporti all'intermodale?

Fonte: Ferrovie Italiane 

 

Per le vostre domande più green sul trasporto intermodale, contattateci direttamente: per voi, la nostra consulenza personalizzata

Vuoi diventare un nostro partner ?

Siamo costantemente alla ricerca di partner affidabili con cui stringere relazioni e collaborazioni al fine di offrire un servizio di trasporto sempre più capillare e completo.

Copyright © 2015. Autotrasporti Pesenti Francesco & C. snc
Via delle Crocette n. 5, 24040 Osio Sopra (BG), Italy - Tel: 035 203234 - Email: info@pesenti.com - Isc. Albo trasp. BG 1150102/E - P. IVA: 02179270166
Agenzia SEO > Marketing Km Zero